Home » Il Comune » Polizia Municipale » Educazione Stradale » L''Educazione Stradale nelle scuole

 

 

 

 Il Progetto di Educazione Stradale e alla Legalità

Il Progetto di Educazione Stradale per l’anno scolastico 2014/2015 avrà inizio ad Ottobre 2014 e vede coinvolte 19 scuole dell’infanzia, 48 scuole primarie, 13 scuole secondarie di 1° grado, 4 scuole secondarie di 2° grado, per un totale di 84 scuole di ogni ordine e grado e di circa 12.000 studenti complessivi, così come stabilito dall’art. 230 C.d.S.

Rispetto allo scorso anno scolastico, grazie all’arrivo in sezione di un nuovo, prezioso, elemento, vi è un aumento di 5 scuole dell’infanzia, 5 scuole primarie di 1° grado e di 1 scuola secondaria di 2° grado. Per un totale, in attivo rispetto allo scorso anno, di ben dodici scuole.

Visto il crescente numero di richieste da parte delle scuole cittadine, quest’anno si è pensato di dare un impulso alle scuole di periferia, di solito non direttamente coinvolte, anche diradando gli incontri da quindicinali a trisettimanali. Sempre per cercare di soddisfare le crescenti richieste, quest’anno prende il via in maniera sperimentale una versione ridotta del Progetto, strutturata in “moduli tematici”, per alcune delle scuole partecipanti.

Gli incontri si svolgono, comunque, tra le ore 8.00 e le ore 13.00.

Foto pedana    Foto pedana    foto pedana 3
Il progetto ha come finalità la conoscenza dei principi della sicurezza stradale, con particolare attenzione all’uso del velocipede, alla definizione delle strade, l’illustrazione della relativa segnaletica, e delle norme generali per la condotta dei veicoli (uso del ciclomotore, casco, cinture di sicurezza, e sistemi di ritenuta), oltre alle regole di comportamento degli  utenti con riferimento alla nuova normativa.

Al progetto di Educazione Stradale saranno integrate lezioni frontali sulle problematiche giovanili attinenti all’uso dell’alcool e delle sostanze stupefacenti (droghe e psicofarmaci). Per le scuole secondarie di 1° e 2° grado, ove richiesto, alcune lezioni sono dedicate alla maggiore acquisizione delle norme per il conseguimento della patente di guida AM. Tali obiettivi sono raggiunti anche con il supporto di materiale audiovisivo e CD multimediali che integrano le lezioni.

Il progetto è concretizzato mediante un percorso didattico concordato con gli insegnanti referenti di ogni singola scuola.

Nel corso dell’anno, gli studenti effettuano attività motoria con apprendimento dei segnali manuali dell’Agente di Polizia Municipale, direzione del traffico, visite guidate per la conoscenza del territorio, del rispetto dell’ambiente e delle Istituzioni civili e militari. Per le scuole dell’infanzia e primarie è prevista una simulazione di traffico viabile su strada.

Tale percorso si conclude con verifiche finali e giornate d’incontro nelle scuole con autorità civili e militari in cui vengono consegnati Attestati.

Il Progetto di Educazione Stradale e alla Legalità è realizzato dalla Sezione Ricerche, Formazione e Statistica il cui Responsabile è il Comm. ZULLO Angelo per il raggiungimento degli obiettivi prefissati si avvale degli Ispettori Capo BARADELLO Laura, MUSCARA’ Antonino, OLIVA Rossella, TOMASELLO Giuseppe, TOSCANO Annamaria e dal C.A. VELLETRI Emilio.

 

 

 

 

PROSPETTO LEZIONI EDUCAZIONE STRADALe

 

lezioni

ARGOMENTO

Scuola dell’infanzia-primaria

ARGOMENTO

Scuola secondaria di 1° grado

ARGOMENTO

Scuola secondaria di 2° grado

1

Presentazione, 230 C.d.S., necessità del progetto, regole e norme.

(differenziare per ordine e grado).

Presentazione, 230 C.d.S., necessità del progetto, regole, norme, legge e trasgressione

(differenziare per ordine e grado).

Presentazione, 230 C.d.S., necessità del progetto, la legge e la trasgressione e conseguenti sanzioni.

(differenziare per ordine e grado).

2

Pedone e suoi comportamenti (esempi pratici).

Pedone e suoi comportamenti (eventuali esempi pratici).

Pedone e suoi comportamenti.

3

Comportamento dei conducenti nei riguardi del pedone.

Comportamento dei conducenti nei riguardi del pedone.

Comportamento dei conducenti nei riguardi del pedone.

4

Segnaletica orizzontale.

Segnaletica orizzontale.

Segnaletica orizzontale.

5

Segnaletica verticale e luminosa.

(modifica delle lanterne semaforiche per pedoni)

Segnaletica verticale e luminosa.

(modifica delle lanterne semaforiche per pedoni)

Segnaletica verticale e luminosa.

(modifica delle lanterne semaforiche per pedoni)

6

Segnali manuali dell’Agente.

Segnali manuali dell’Agente e conseguenze del mancato rispetto delle stesse.  

Segnali manuali dell’Agente e conseguenze del mancato rispetto delle stesse, art.43 C.d.S.

7

Il velocipede.

Comportamenti nei confronti dell’Agente.

(concetto di rispetto dell’autorità).

Comportamenti nei confronti dell’Agente

Art.192 C.d.S.

8

Comportamenti dei conducenti dei velocipedi.

Il velocipede.

Il velocipede.

9

Il ciclomotore.

Comportamenti dei conducenti dei velocipedi.

Comportamenti dei conducenti dei velocipedi.

10

Comportamento dei conducenti dei ciclomotori (stigmatizzazione del comportamento dei grandi).

Il ciclomotore e dissuasione delle aspettative su di esso.

 

Il ciclomotore

(limiti strutturali e pubblicizzazione impropria).

11

Uso e struttura del casco.

Comportamento dei conducenti dei ciclomotori.

Comportamento dei conducenti dei ciclomotori.

12

Norme di comportamento.

Uso e struttura del casco (cenni sui traumi da incidente).

Uso e struttura del casco (approfondimento sui traumi da incidente stradale).

13

Momento di incontro ed eventuale saggio di fine anno.

Norme di comportamento e importanza sullo sviluppo personale.

Norme di comportamento, stigmatizzazione della trasgressione, conseguenze penali.

14

 

Cenni sulle conseguenze della velocità e del mancato uso del casco (approfondimento per le terze classi).

Cenni sul pericolo causato dall’alta velocità.

15

 

Momento di incontro ed eventuale saggio di fine anno.

Influenza comportamentale e conseguenza del consumo dell’alcool e della droga.

N. B. In classi particolarmente “ricettive” (Ve primarie, IIIe secondarie di 1° grado, secondarie di 2° grado) sono previsti incontri su: elementi di diritto (1° incontro), materiale esplodente (incontro pre-natalizio), alimentazione, regole per l’estate, tutela del minore, diritti e doveri del minore, influenza della pubblicità, salvaguardia dell’ambiente e motori alternativi, minori e internet.

Il corso si avvarrà di materiale multimediale, incontri con Enti ed Istituzioni, nonché simulazioni di circolazione e momenti di aggregazione sul territorio.

N.B. Se in determinate lezioni si trovassero degli argomenti di specifico interesse e/o particolarmente sentite dai discenti, si apporteranno le opportune modifiche.

N.B.Qualora vi fossero attività che si sovrapponessero alle date previste per gli incontri, le insegnanti referenti devono comunicare in tempo utile agli istruttori tali variazioni.